Cookie – le nuove regole della profilazione online

Dal 2 Giugno sono entrate in vigore in Italia le nuove regole per i cookie, cioè i files che memorizzano i dati della nostra navigazione. Le pene per chi non si è adeguato arrivano a 120 mila euro.

Cookie, una defininizione: stringhe di testo che i siti visitati trasmettono ai device connessi aggiornandole al successivo accesso, tenendo traccia del comportamento del visitatore.

9-eu-cookie-law

Principali tipologie di cookie:

  1. tecnici: migliorano la navigazione online
  2. di profilazione: consentono ai siti visitati di tenere traccia delle abitudini del visitatore (e quindi permettono di stilare dossier commerciali)

2.1) di profilazione con accesso di terze parti: consentono la profilazione di siti diversi da quelli visitati

Per quanto riguarda i soli cookie di profilazione, i siti internet sono tenuti a:

  • avvisare sull’uso di questa tipologia e se sono aperti a terze parti
  • fornire un link all’informativa estesa sui cookie
  • permettere al visitatore di rinunciare all’uso dei cookie
  • avvisare che prosenguendo nella navigazione si acconsente all’utilizzo dei cookie

Provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell’ 8 maggio 2014

Cookie istuzioni per l’uso – il VIDEO del Garante per la privacy

Criticità:

  • Secondo uno studio di Posizionamento Seo (ripreso da Italia Oggi: Banner visibili o c’è la sanzione, Federico Unnia, 11.5.15, pg.5) su 2500 siti analizzati solo l’8,32% si era adeguato alla nuova normativa all’11 Aprile. L’entrata in vigore della legge, e delle relative sanzioni, ha fatto aumentare molto la percentuale e confermato il luogo comune che gli italiani si adeguano alle nuove disposizioni solo all’ultimo momento.
  • Pigrizia: come rilevato da Massimo Sideri (Siamo troppo pigri con il web…, Corriere della Sera, 13.5.15, pg. 33) il tempo per negare il consenso all’uso dei cookie è di svariati minuti, contro un secondo che invece serve per acconsentire. Data la “pigrizia” dell’utente internet ad approfondire gli argomenti il consenso sarà maggioritario.
  • Antonello Soro, Garante della privacy, avverte che la normativa sui cookie è solo un inizio per fornire alcune garanzie ai cittadini digitali: i colossi di internet usano già altre tecnologie “per tracciare i nostri dati “ora siamo ai fingerprint. Noi navighiamo e loro sanno con qualdi software, con quale pc, con schermi di quali dimensioni […] servirebbe una Kyoto dei dati” (Contro Google&co. In palio la libertà…, Aldo Fontanarosa, La Repubblica, 19.5.15, pg. 27).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *