La Buona Scuola di Renzi

tono di scuola

A pochi giorni dalla scadenza per presentare domanda di partecipazione alla graduatoria nazionale, come previsto dalla riforma “La Buona Scuola”, le polemiche sulla manovra del Governo continuano.

Le scuole stanno per riaprire i cancelli, ma ancora non è chiara la situazione della didattica. Ciò che invece risulta evidente, è che la riforma voluta dal Governo Renzi continua ad imperversare sui media tra articoli che la difendono e lettere accusatorie.

Nel periodo tra il 17 e il 21 agosto, Waypress ha monitorato la presenza de “La Buona Scuola” sulla stampa tradizionale e digitale italiana analizzando il tipo di articolo, l’opinione espressa in riferimento al tema e, se presente una critica, da quale posizione politica o sociale.

L’analisi condotta da Waypress mette in luce un fatto evidente: la presenza di critiche alla riforma, il 67% del totale, è nettamente superiore rispetto alle posizioni favorevoli, il 15%, e agli articoli di tono neutro, il 18% del totale.

La maggior parte delle critiche proviene dal mondo politico. Il 28% degli articoli riporta le posizioni dell’ala civatiana del Pd, del M5S e della Destra che, per motivi diversi contestano la manovra. Le accuse da parte dei Sindacati della scuola rappresentano il 27% del totale, mentre le critiche di singoli insegnanti sono il 25%. La restante parte di articoli critici è ripartita tra comuni cittadini, il 7%, che esprimono la loro indignazione soprattutto tramite lettere di protesta e giornalisti, il 13%, con editoriali e commenti.

Ciò che lascia perplessi dopo questa breve analisi è la grande discrepanza tra articoli positivi e critici.

Perché una così bassa percentuale di articoli a difesa della riforma?

Il Governo non ha bisogno di fare dichiarazioni in merito?

Oppure siamo davanti ad una manovra governativa che in un colpo solo ha messo insieme Partiti di opposizione e Sindacati creando un fronte più grande rispetto a quello di chi difende la Riforma?

La_Buona_scuola

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *